FRANCESCO MUSANTE

FRANCESCO MUSANTE
UNA ROSA LA LUNA E LA NOTTE INTERA PER PENSARE A TE

La materia dei libri è costituita dalle sottigliezze della vita.

La materia dei libri è costituita dalle sottigliezze della vita.
I bambini non ricorderanno se la casa era lustra e pulita ma se leggevi loro le favole. Betty Hinman

mercoledì 13 ottobre 2010

Chiedo scusa alle puttane

E' da tanto che vorrei scrivere. Perchè scrivere innanzitutto mi scarica, mi gratifica, mi chiarifica a me stessa. E allora mi indago, sondo per trovare qualcosa su cui scrivere, di piacevole, o di divertente, o magari di profondo...ma non trovo che pensieri pesanti, amari, gonfi di sconforto. Pensieri che intristiscono, che avvelenano la vita. Pensieri che non vorrei aver pensato. Che scorrono noiosi attorno a figure, a immagini, a frasi ascoltate, a dischiarazioni fatte, e lì si incagliano.
Penso a B. che sporgendosi da una scrivania istituzionale afferma, sconfessando impudicamente se stesso, di non aver mai voluto le elezioni e di temere una crisi della maggioranza che potrebbe portare ad un governo tecnico. Del resto, aggiunge, (cito a memoria ma non credo di sbagliare) sono disponibili almeno una sessantina di posti ministeriali e facilmente con ciò si potrebbe convincere qualcuno del PDL. Deputati e Senatori eletti nelle liste del suo partito trattati come sgualdrinelle pronte a vendersi al maggior offerente. E non mi risulta che nessuno si sia risentito. Poveretto! Riesce a circondarsi solo di puttane!
Poi penso al PD. Rivedo Letta (Enrico, non Gianni) alzarsi di fronte alla folla che fischia e dire noi non siamo questi! Penso a Follini che rincara: noi non dobbiamo essere quelli che fischiano, nè quelli che ospitano chi fischia! Penso all'ipocrisia di chi impone un dialogo forzato con l'altra parte e non riesce più ad ascoltare, a capire, a riconoscere la propria gente. Quanta cecità in quel prendere frettolosamente le distanze! Quanta mancanza di senso politico nel non chiedersi le ragioni di tale dissenzo nel non vedere l'origine di così tanta rabbia. Quelli che fischiavano, cari dirigenti di partito, erano la vostra gente, e voi non li avete riconosciuti! Distanti anni luce.
Poi penso al Giornale. Penso alle minacce, no al cazzeggio, di certi giornalisti. Per capire provo a pensare se, telefonando ad un vecchio amico e dicendogli: da domani te la dò, lui sarà in grado di arguire che sto scherzando. O domani me lo ritroverò, invece, sotto casa tutto profumato e pronto? No, son certa che il mio caro amico capirà che sto scherzando perchè, conoscendomi bene, sa che non sono solita darla in giro a destra e manca. Sa che non l'ho mai fatto. Sa che non fa parte del mio modo di agire. In quanto al Giornale, forse, la dà via troppo facilmente e allora può esser frainteso...
Penso anche a Feltri. Ci ho pensato spesso con rabbia, con sdegno, con repulsione. Ultimamente però mi trovo a pensare che forse lo dovrò ringraziare. A pensarci bene ha fatto di più lui in pochi mesi contro B. che l'opposizione in 16 anni. Ha minato definitivamente i già precari rapporti con l'ex moglie Veronica pubblicando foto della signora senza veli e accusandola di avere un amante, ha incrinato il già difficile rapporto con il Vaticano massacrando a colpi di scoop fasulli l'anonimo direttore di Avvenire, è stato decisivo nel causare la rottura definitiva con l'alleato di sempre Fini ed infine gli ha alienato le già scarze simpatie di confindutria con le minacce alla Marcegaglia. Isolato come ora B non c'è mai stato e tutto per merito di Feltri e del suo Giornale. Troppo stupido o troppo furbo quel Feltri? Chissà... Intanto per questo massacro ha ricevuto compensi inimmaginabili ai più. B avrebbe dovuto capirlo, dopo la D'Addario, che le puttane non sono tutte uguali!
Pensieri pesanti, l'ho detto. Inutili, fastidiosi, irriverenti. Pure un po' volgari. Pensieri da gettarsi alle spalle sperando di averne di migliori.

4 commenti:

Angelo azzurro ha detto...

Difficile buttarseli alle spalle questi pensieri se la situazione politica non va a migliorare :O(
al momento vedo ancora troppa nebbia

Nikka ha detto...

Anche io detesto Feltri ma in effetti hai ragione ..... ha dato un grosso contributo a danneggiare l'mmagine del suo padrone

Bonsarto, ha detto...

bello bello, ben scritto e pienamente condiviso. Da me e non solo. Mi piace.

monteamaro ha detto...

Mai come in questa fase della politica, cara Miranda, è emersa crudamente la faccia vera, quella pusillanime, inconcludente, arraffona, autoreferenziale, incapace di capire, antropologicamente malata, dei "nostri" politici.
E mi viene in mente l'avvertimento di quel Maestro, che rimproverando un discepolo sulla via della perdizione, gli dice: A questo punto, SOLO un disastro potrà salvarti!
Dovrà essere così anche per noi?
Condivido tutto il tuo post, particolarmente le considerazioni su Letta (Enrico) e Feltri.
In Gamba Mira!

12 novembre 2011: VIVA L'ITALIA LIBERATA!!!

12 novembre 2011: VIVA L'ITALIA LIBERATA!!!
L'Italia è sull'orlo del precipizio, ci aspettano mesi di tagli e manovre "lacrime e sangue", l'opposizione è inesistente e Mario Monti non è il nostro eroe ma almeno...BERLUSCONI SI E' DIMESSO!!!

SE NON ORA QUANDO?

SE NON ORA QUANDO?
FIRENZE, 13 FEBBRAIO 2011.