FRANCESCO MUSANTE

FRANCESCO MUSANTE
UNA ROSA LA LUNA E LA NOTTE INTERA PER PENSARE A TE

La materia dei libri è costituita dalle sottigliezze della vita.

La materia dei libri è costituita dalle sottigliezze della vita.
I bambini non ricorderanno se la casa era lustra e pulita ma se leggevi loro le favole. Betty Hinman

giovedì 2 settembre 2010

Mio figlio ha perso una scarpa...

Il Piccolo-che-sta-crescendo quest'anno ha finito la quinta elementare. Del suo disagio scolastico ho già parlato in passato. Sempre con fatica, senza nascondere il dolore e il senso di colpa di fronte alla mia incapacità, nonostante gli sforzi quotidiani, di aiutarlo a superare le sue difficoltà. Sì perchè il mio bambino è un bambino con DSA. Ha, cioè, un Disturbo Specifico di Apprendimento. I bambini DSA, come lui, sono bambini come tutti gli altri: svegli, capaci, competenti, curiosi, finchè non arrivano a scuola e, d'un tratto, si scoprono completamente inadeguati e disarmati di fronte a compiti e richieste quotidiane per loro insormontabili, che gli altri, invece, eseguono con facilità. Attività come leggere, scrivere, calcolare, che la maggior parte dei loro compagni apprende in modo spontaneo e naturale risultano loro estremamente difficoltose. Il fallimento che ne segue e la frustrazione dovuta ai molteplici e infruttuosi tentativi incidono negativamente sulla fiducia in se stessi e sulla motivazione ad apprendere. Spesso poi chi sta loro intorno, educatori, insegnanti, genitori, compagni, poichè non possono negare le loro evidenti capacità intellettive e le potenzialità che emergono nonostante tutto, finiscono, frettolosamente, per spiegare il ritardo scolastico con la mancanza d'impegno. Solitamente di un bambino così si dice che è intelligente ma non studia. Colpevole dunque! Svogliato! E pigro! Questi cinque anni sono stati per mio figlio un inferno; tra pianti e rimproveri, insuccessi ed emarginazione, frustrazioni ed incomprensioni, tra senso d'impotenza e voglia di mollare, stanchezza e senso di colpa per le aspettative deluse. Mai un successo, mai una gratificazione e neppure un riconoscimento per lo sforzo e l'impegno messi. Quest'anno però pareva proprio fosse arrivato il momento per il mio Piccolo-che-sta-crescendo di ottenere, finalmente, una piccola rivincita. Iscritto al corso di atletica, per tutto l'inverno, infatti, si era allenato nella corsa, anche con il freddo e sotto la pioggia. Grazie al suo fisico minuto ma scattante e all'allenamento, durante le prove per le Piccole Olimpiadi della scuola era risultato tra i più veloci della sua età, per cui tutto faceva presagire che finalmente sarebbe riuscito ad esser BRAVO in qualcosa, per la prima volta... E magari il più bravo! E' la mattina della gara, nonostante minacci pioggia e soffi imperterrito un vento freddo, gli spalti attorno al campo di atletica sono pieni di genitori-tifosi, armati di macchine fotografiche. I bambini vengono allineati sulla linea di partenza, ciascuno nella propria corsia, pronti per il segnale di partenza. Il Piccolo-che-sta-crescendo è particolarmente in ansia, aspetta questo momento da così tanto tempo... Un signore attempato e panciuto dà il via facendo esplodere un colpo. Il Piccolo-che-sta-crescendo scatta via velocissimo, davanti a tutti. E' il più piccolo, una pulce in mezzo ai suoi compagni, ma anche il più veloce. Fa qualche metro, davanti a tutti gli altri. Poi, d'improvviso, si blocca: la sua scarpa destra è uscita dal piede. Prova a continuare la corsa con la scarpa mezza tolta ma è inutile; arriva ultimo, zoppicante, avvilito e pieno di imbarazzo. L'umiliazione e la delusione stampate in faccia. Cos'è accaduto? Come si spiega che il Piccolo-che-sta-crescendo è riuscito a fallire anche in ciò in cui era bravo e per cui si era allenato a lungo? E' stata solo colpa di un laccio male annodato? Io non credo. Io credo invece che per bambini così, che non hanno alcuna fiducia o stima in se stessi, che sono abituati ad ottenere solo frustrazioni e sconfitte, che hanno di sè un'mmagine negativa e fallimentare sia più difficile affrontare un successo che subire il solito, inevitabile insuccesso (in quello oramai sono esperti). Per mio figlio, vincere non voleva dire semplicemente tagliare il traguardo per primo. Vincere significava interrompere un'infinita ed ineluttabile catena di delusioni e fallimenti, significava riaprire la porta alle speranze di affermazione di sè, alle aspettative di succeso. Vincere avrebbe provocato una temibile onda sismica che avrebbe travolto le consolidate certezze della propria inadeguatezza ed incompetenza, vincere avrebbe causato un terremoto emotivo che avrebbe ribaltato l'immagine di sè e delle proprie capacità. In questi casi, in difesa dello status quo, per mantenere un equilibrio basato su ciò che, anche se non gratificante, ci è oramai abituale, entrano in gioco i sabotatori interni, cioè le aspettative negative, le paure recondite, l'ansia di prestazione, la disistima, il bisogno di ciò che ci è noto e abituale, che ci impediscono di rompere il cerchio, di essere diversi, migliori, da ciò che si crede. Inconsapevolmente, ci impediscono di esplicare al meglio le nostre qualità, di credere nelle nostre risorse facendoci perdere una scarpa durante la corsa della nostra vita. Sabotatori così li abbiamo tutti. Sono i limiti che ci autoimponiamo, le barriere che innalziamo a nostra difesa, i legacci che ci impediscono di spiccare il volo. Li abbiamo generati noi, in nome della nostra stabilità emotiva, della nostra tranquillità. Solo noi possiamo smascherarli e disarmarli. Oppure inciamperemo sempre a un passo dal traguardo.

8 commenti:

stella ha detto...

Gran bel post che condivido in pieno.

Wilma ha detto...

Leggere queste righe mi ha fatto sentire impotente e frustrata. Mi ha anche molto commosso, per l'affetto profondo che nutro per il Piccolo-che sta crescendo e per l'identificazione con i tuoi sentimenti. Sono assolutamente convinta che, anche nel DSA, abbia un'enorme importanza la relazione: con i genitori, gli insegnanti, gli amici, i nonni e gli zii. I nostri figli sono il frutto di questi legami, che ci piaccia o meno. Proporre un lavoro a 360° è quindi condivisibile e auspicabile; peccato però che questo "meraviglioso" lavoro sistemico e di rete faccia acqua da tutte le parti, (come tu fai notare) e che la sofferenza resti tutta sulle spalle della famiglia.
Coraggio, speriamo di trovare un ambiente migliore alle medie. In fondo non devono far molto per essere solo un pò meglio...

Paolo ha detto...

Bello, toccante, istruttivo. Da istruttore ho visto diverse situazioni simili e ho incontrato tanti occhi di mamme preoccupate e disarmate. In bocca al lupo, di cuore.

Samantha ha detto...

Già il nostro Piccolo..!
Quelle maestre..Miranda che raccontava e io che mi irritavo!
Non posso dimenticare l'atteggiamento distaccato e serio che avevano,quando all'uscita da scuola accompagnando gli alunni al cancello non offrivano nè cenni di consenso alla Zia che saltuariamente si presentava a prenderlo nè ancora peggio un sorriso di saluto al bimbo.
Stronze e incompetenti.

Pol ha detto...

Cavoli, Miranda, sono senza fiato... Il tuo è un post ruvido come carta vetrata, ma profondo e lucido. Penso che, con una mamma così, che forse si sente inadeguata a dare al suo piccolo che sta crescendo gli strumenti della gioia ma che inadeguata pare proprio non esserlo, tuo figlio ha un'arma in più. Purtroppo anch'io, alle prese con la mia piccola che sta crescendo in compagnia della sua diversità cromatica, mi sono reso conto che la rete extra familiare influenza quasi quanto la famiglia la crescita dei nostri iglù. E lo farà sempre di più. La scelta della scuola elementare è stata sudata, studiata, ponderata alla nausea... Ora posso dire che siamo contenti, abbiamo scelto una scuola che sa valorizzare le differenze senza che diventino un peso. Che sa stimolare i bambini, senza metterli su un piedistallo. Siamo stati fortunati. E ciò che scrivi me lo conferma. Credo che troverai il modo giusto perché lo scatto bruciante della partenza sia, per tuo figlio, il primo passo per arrivare con le braccia alzate al traguardo. Grazie per aver condiviso tutto questo... Un abbraccio. Paolo

Minu ha detto...

Mio Dio, Miranda ti ho letta tutto d'un fiato, il tuo piccolo-che-sta-crescendo così simile a fichi&uova, le maestre insignificanti e arroganti sovrapponibili a quelle che hanno accompagnato fichi&uova alla porta delle medie. Mi hai commossa infinitamente e ancora più il tuo piccolo-che-sta-crescende e la sua scarpa irriguardevole. Non ho più fazzoletti che possano asciugare gli occhi di f&u, le carezze e le parole d'incoraggiamento danno origine a tiepidi sorrisi. Teniamomci per mano almeno noi, amica di blog sempre più intima pur lontana.
un Minu solidal abbraccio

Miranda ha detto...

Vi sento solidali.
Grazie

Pimpa ha detto...

Io TIFO per il piccolo in crescendo, tifo per lui e per la sua attenta mamma.
Tifo per lei perchè mantenga l'orgoglio verso un figlio così-come-è
Tifo per lui perchè accresca la fiducia in sè stesso, una fiducia che può partire solo dallo sguardo di chi gli vuole bene, di chi mette in primo piano il suo crescendo e in secondo piano il suo diminuendo.
Tifo perchè la prossima gara arrivi primo.
Fammi sapere!

12 novembre 2011: VIVA L'ITALIA LIBERATA!!!

12 novembre 2011: VIVA L'ITALIA LIBERATA!!!
L'Italia è sull'orlo del precipizio, ci aspettano mesi di tagli e manovre "lacrime e sangue", l'opposizione è inesistente e Mario Monti non è il nostro eroe ma almeno...BERLUSCONI SI E' DIMESSO!!!

SE NON ORA QUANDO?

SE NON ORA QUANDO?
FIRENZE, 13 FEBBRAIO 2011.